Marco Fontana
Torino
La voce delle Circoscrizioni
Circoscrizioni di Torino
18 dicembre 2018
Se l’UE era già morta, dopo il discorso di Draghi è sepolta
Mario Draghi, presidente della Bce ormai in uscita, ha spesso diviso gli animi degli euroscettici. I meno oltranzisti lo hanno sempre considerato un uomo capace di resistere alle richieste di rigore provenienti dalla Germania e dai Paesi del nord Europa, difendendo le economie dei Paesi pi&u...
13 dicembre 2018
Macron e il ripensamento degli intellettuali
Osservando le immagini di Parigi, spero proprio che le grandi firme dei principali quotidiani, dopo anni di genuflessioni davanti alle veline passate dagli eurocrati e da oltreoceano, provino un sussulto di vergogna ricordando le volte in cui hanno definito “dittatori” alcuni politic...
28 novembre 2018
Non sarà questione di decimali, ma sa tanto di resa nei confronti della Troika
Non è una questione di decimali, obiettivo del governo è rilanciare la crescita e lo sviluppo: questa è la frase che raccoglie in estrema sintesi la mediazione del premier Conte e dei due vicepresidenti del Consiglio Di Maio e Salvini dopo un lungo vertice a Palazzo Chigi....
23 novembre 2018
L'UE più che arbitro sembra un carnefice
Frans Timmermans, olandese, è il primo vicepresidente della Commissione UE, nonché Commissario europeo per la migliore legislazione, le relazioni interistituzionali, lo stato di diritto e la carta dei diritti fondamentali. Intervistato da "La Stampa", in rispost...
20 novembre 2018
Macron lancia la nuova Europa, ma prima gli servirebbe una nuova Francia
Osservare come i leader di alcuni Paesi europei stiano cercando di rispondere alla crescita, elezione dopo elezione, dei partiti sovranisti - presenti ormai in ogni Stato membro dell’Unione - è un esercizio interessante e a tratti stupefacente. Emmanuel Macron, l'uomo che ha vinto l...
13 novembre 2018
Mentre in Italia si rischia la povertà, l’Europa insiste a parlarci di parametri
Se gli italiani credevano di essersi finalmente liberati dalle clausole di salvaguardia, per intenderci quelle che prevedevano l'aumento dell'Iva in caso di sforamento degli accordi con l'Ue, potrebbero essersi illusi. Sarebbe infatti allo studio del ministro Tria e dei funzionari del Mef la pos...
26 ottobre 2018
E ora Strasburgo condanna l'Italia a pagare un boss mafioso
La Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato l'Italia per aver rinnovato al boss mafioso Bernardo Provenzano il carcere duro del 41bis. Una Corte internazionale ha emesso una sentenza e le sentenze vanno rispettate: è la posizione ovviamente sostenuta dagli avvocati difensori d...
22 ottobre 2018
Le agenzie di rating provano a spaventarci, ma il rischio vero è che si bruci la flat tax
L'Unione Europea ha sguinzagliato i suoi cerberi per spaventare gli italiani e minare la tenuta del Governo giallo-verde: sono le agenzie di rating, prima fra tutte la Moody’s, che ha appena tagliato il rating dell'Italia. Avevamo già profetizzato questa situazione; non era un ...
2
...